Principianti del cucito, come cominciare.
gennaio 23, 2017
Si guida senza patente la macchina per cucire
febbraio 1, 2017
Visualizza tutto

Vediamo di cosa non puoi assolutamente fare a meno se vuoi imparare a cucire qualcosa.

Il metro, quello classico da sarta, morbido, colorato, utilissimo.

Forbici da sarto con il manico ricurvo, siccome le stoffe potranno essere di tutti i tipi, dalla leggerissima alla pesantissima, è fondamentale che tu abbia una forbice così. Usalo solo ed esclusivamente per il tessuto, non farti venire mai la tentazione di usarla per carta o peggio plastica, le rovini e dovrai ricorrere all’arrotino sperando che non siano compromesse del tutto.

Una forbice semplice, di quelle che trovi da Ikea, ti servirà per la carta, i famosi modelli che ti procurerai/farai per essere precisa nel taglio dei capi. Userai sempre la stessa forbice. Attenzione a non farle mai cadere, anche quelle da sarto, se cadono difficilmente taglieranno più come prima.

Poi ci vuole le rasafilo, quelle forbicine piccole che ti leghi al collo, che ti servono sempre, per tagliare i fili, aprire un occhiello, tagliare un angolino…

img_1105

Gesso per tessuto, serve per marcare, modello, tacche, tagli, insomma serve!

Ditale. Lo so, credi che sia inutile, si può cucire anche senza. NO. Non si può, ti buchi le dita, l’ago si infila sotto l’unghia e son dolori, usalo sempre, anche solo per un bottoncino, metti il ditale.

Spilli, puntaspilli e aghi di svariate misure, un punteruolo per segnare la fine di una pences, oppure segnare l’inizio degli occhielli, strumento super utile, fidatevi.

Ultimo, la scucitrice, serve per scucire (qualche sbaglio ci sta) e per aprire gli occhielli per farci passare il bottone.

Tutti questi accessori riponili bene, abbine cura, tienili in ordine così da trovare sempre tutto al primo colpo.

Per finire, l’ho già detto nel post precedente, il ferro da stiro, ti sarà indispensabile, quindi la postazione per stirare è prioritaria.

Ovviamente tutti questi oggetti hanno sfumature di ogni genere, non sono stata a specificare la differenza per esempio che c’è negli spilli, quelli semplici da sarta, quelli da pizzo, spilli con capocchia colorata, spilli a T, spilli a spirale oppure in plastica, ci sono, esistono tutti, ma per iniziare a cucire non è importante conoscerli, tantomeno averli tutti, basteranno i classici spilli da sarta e sei a posto.

Il prossimo step sarà una piccola infarinatura sulla macchina da cucire, con qualche dritta per non fare danni usandola.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *